Il Progetto

battaglia santa maria infante (Medium)

Senza memoria storica una comunità rischia di perdere e smarrire il significato e il senso profondo della propria identità culturale e civile. Parte da questo assunto l’idea del progetto “La Linea della Memoria”, che vuole raccontare i terribili giorni vissuti nelle cittadine di Minturno e Spigno Saturnia che ricadevano sulla Linea Gustav, teatro di aspri combattimenti. Un archivio per conservare la memoria storica di un conflitto mondiale che ha lasciato una traccia molto marcata anche a livello locale.

Il Comune di Minturno è stato insignito della Medaglia d’Oro al Merito civile per il versamento di sangue e i sacrifici patiti durante la Seconda Guerra Mondiale. Analogamente il Comune di Spigno Saturnia è stato insignito della Medaglia d’Argento. A 70 anni dal conflitto, il progetto – che rientra nella serie di iniziative finanziate dalla Regione Lazio in occasione delle celebrazioni per il settantesimo anniversario della fine della seconda guerra mondiale tese alla valorizzazione delle memorie storiche relative al secondo conflitto mondiale nel periodo compreso tra la primavera del 1944 e la primavera del 1945 – intende rivolgersi ai cittadini dei due Comuni, coinvolgendo in prima persona gli anziani e le scuole, coltivando il ricordo dei tragici eventi che hanno caratterizzato il periodo storico degli anni 1944-1945 con una popolazione stremata da stenti e sofferenze.

Il programma – dal 24 Ottobre all’8 Novembre 2015 – prevede una serie di eventi nei due Comuni in modo da fornire una conoscenza diretta a chi non ha vissuto quelle storie e raccogliere i ricordi e i racconti degli ultimi superstiti delle tragiche vicende, affinché non si perda l’ultima possibilità di ascoltare le loro preziose testimonianze.

Sabato 24 Ottobre, ore 10,30, presso il Parco Robinson di Minturno, avverrà l’inaugurazione della Mostra “Uomini e armi sulla Linea Gustav” curata dall’ATS “Tesori dell’Arte” di Gaeta, durante la quale seguirà la proiezione del documentario “La Linea della Memoria” e il concerto della Piccola Orchestra di Fiati “Città di Minturno”. La mostra resterà aperta fino al 4 Novembre (tutti i giorni: ore 10-12 / 17-19).

Domenica 25 Ottobre, ore 17,30, presso la Scuola Elementare di Spigno Saturnia, si svolgerà l’incontro con i testimoni superstiti al Secondo Conflitto Mondiale e un “Omaggio ai Caduti” con il concerto de “Il Giardino della Pietra Fiorita” del Maestro Alessandro Parente.

Il programma prosegue Sabato 31 Ottobre, ore 10,30, a Santa Maria Infante, con la Deposizione della corona a ricordo dei caduti e della liberazione e l’inaugurazione della Mostra fotografica “Armi ed eserciti” (aperta fino al 4 novembre, tutti i giorni ore 16-18).

Martedì 3 Novembre, ore 9,15, presso il Liceo Scientifico “Leon Battista Alberti” di Minturno sarà presentato il libro “Il dramma delle popolazioni lungo la Linea Gustav nel vortice del Secondo Conflitto Mondiale” di Carlo Biagio Massimo. Dopo i saluti del Commissario Prefettizio Bruno Strati e del Preside Prof. Amato Polidoro, seguiranno gli interventi del Prof. Nilo Cardillo, del Prof. Nicola Terracciano e dell’autore Prof. Carlo Biagio Massimo.

Si chiude Domenica 8 Novembre con i festeggiamenti del Centenario della Grande Guerra, la Festa dell’Unità Nazionale e Giornata delle Forze Armate. Il programma prevede: Ore 10: S. Messa per i Caduti nella Chiesa dell’Annunziata a Minturno. Al termine, deposizione di Corone d’alloro all’attiguo Sacrario e al Monumento ai Caduti nella Villa Comunale, in Piazza Portanova. Deposizione di Corone al Monumento al Carabinieri di Scauri (ore 11), ai Monumenti agli Aviatori e ai Caduti sul fronte russo di Marina di Minturno (ore 11-11,15), ai Monumenti ai Caduti di Tremensuoli (ore 12,30), di S. Maria Infante (ore 12,30) e di Tufo (ore 18,45).

Una parte rilevante del progetto sarà costituita dalla registrazione e dalla diffusione dei ricordi di coloro che possono essere considerati gli ultimi superstiti e testimoni diretti del tragico conflitto. Il progetto, infatti, prevede la realizzazione di un sito web nel quale saranno conservate le interviste a veterani di guerra e civili che hanno vissuto quei drammatici momenti.

Attraverso le loro testimonianze, i racconti, gli aneddoti, verrà ricostruito un mosaico di esperienze di vita vissuta che rappresentano la storia di queste due cittadine del sud della provincia di Latina, teatro di scontri tra i più violenti della Seconda Guerra Mondiale, tramandando a livello orale ciò che i libri non dicono.

Il sito web rappresenterà, dunque, un grande archivio di tali testimonianze, che potrà essere implementato anche dopo la fine del progetto regionale, con altre interviste. Un lavoro sempre work in progress. La tecnologia digitale sarà, quindi, a disposizione della Storia, per far conoscere ad un più ampio pubblico esperienze che altrimenti cadrebbero nel dimenticatoio e perdute per sempre.

Al termine del progetto, sarà realizzato un documentario.

Si ringrazia per la fattiva collaborazione:

Associazione “Amici del Libro”, Associazione “Amici di Santa Maria Infante”, Associazione Carabinieri Minturno-Spigno Saturnia,  Associazione Culturale “Il Sogno di Ulisse”, Associazione Folklorica “Le Contrade” di Spigno Saturnia, Associazione Musicale “Maria Loreta Proia”, ATS “Tesori dell’Arte” di Gaeta, Circolo Anziani di Spigno Saturnia, Coordinamento dei Circoli Anziani di Minturno, Istituto Comprensivo 1 – Minturno, Istituto Comprensivo 2 – Scauri, Liceo Scientifico Statale “Leon Battista Alberti” di Marina di Minturno, Piccola Orchestra di Fiati “Città di Minturno”.